Monday, 25 May 2015

Amazônia 2015 (planning)

Riprendere una bella conversazione, riaprire un libro nel punto in cui lo si era lasciato, continuare un viaggio partendo da dove si era arrivati la volta precedente ... quasi quel viaggio non volesse finire mai. 
Sì, per me è proprio così, riprendere un viaggio è un po' come riprendere un discorso iniziato un po' di tempo addietro. 
Mi piace studiarmi nel dettaglio il percorso, approfondirlo, mi piace cercare e trovare non solo eventuali spunti paesaggistici ma anche ineludibili richiami legati in qualche modo alla sua storia, alla sua contemporaneità e quotidianità. 
La lingua, la musica, le persone, i luoghi da visitare. 
Questa volta riparto da Fortaleza, dalle bianchissime spiagge del Nordeste per spingermi fino al cuore dell'Amazzonia; 3000 km attraverso uno sconfinato ed a tratti impenetrabile labirinto sospeso tra il mare, il fiume e la foresta pluviale. 
Ancora "sottocosta", per quanto possibile, fino alla "coloniale" Belém; poi per acque interne dapprima per attraversare l'estuario del Rio delle Amazzoni fino a Macapá, per poi risalirlo ... su su fino a Manaus

Dunque dopo Belém, prima per Macapá e poi per Manaus ci sarà in effetti ben poco da pedalare, ovvio direi ... mancano le strade !!
La risalita del Rio delle Amazzoni sarà allora quasi esclusivamente per via fluviale, controcorrente, dieci-dodici giorni in tutto, innumerevoli tappe intermedie in luoghi spesso fuori dal mondo collegati tra di loro esclusivamente dal grande fiume !!
















.... qui di seguito qualche immagine di ciò che, probabilmente, incontrerò:


 
[ 1 ] Qui sopra: pedalando pelo Nordeste durante il viaggio del 2011


[ 2 ] Lençõis Maranhenses

[ 3 ] Belém


[ 4 ] Fortaleza de Macapá

[ 5 ] Alter do Chão, alla confluenza del rio Tapajos con 
il rio delle Amazzoni

[ 6 ] Manaus, teatro Amazonas (1896)